Onore al Re

E sono quattro. Come Prost. Come Vettel e solo uno da Fangio. Possiamo ritenere Hamilton tra i piu’ grandi? Senza dubbio. Titolo meritato? Anche li’ senza dubbio. Alla fine questo e’ forse stato il miglior Hamilton degli ultimi anni. Non tanto in pista, ma soprattutto di testa. E’ riuscito a mantenere quella lucidita’ e quella consistenza che purtroppo sono mancanti a Vettel. Ed e’ un peccato, perche’ il tedesco della Ferrari ha guidato come non mai, con una grinta ed una passione che forse solo la Ferrari sa dare.

Ma siamo anche consapevoli del fatto che, nonostante tutto, la Ferrari si e’ resa protagonista di una stagione eccezionale, soprattutto se paragonata al 2016. Cosa e’ mancato? L’affidabilita’ nei momenti cruciali ed un pizzico di lucidita’ quando ci voleva (vedasi Baku).

Siamo infine anche d’accordo con Jackie Stewart: e’ inutile fare paragoni tra i piloti di diverse ere. Proprio perche’ appartengono ad ere della F1 diverse. Alla fine ogni tempo ha il suo campione. Se solo consideriamo gli ultimi trent’anni: Prost e Senna tra la seconda meta’ degli anni ’80 ed i primi anni Novanta. Schumacher per tutto il decennio fino alla prima meta’ del nuovo millenio. Hamilton, Alonso e Vettel in questa era della F1 moderna.

Pero’ per piacere niente paragoni su chi e’ il piu’ grande di tutti. Paragone inutile.

Intanto l’erede e’ gia’ arrivato…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.